Home page Vacanze Atlante Percorso storico Gastronomia e-business Contattaci
home » percorso storico » la strada della memoria

Baco da seta
Ceramica
Cestai
Ginestra
Pietra
 
 

Leggende| Il baco da seta | Il gelseto | Le fasi di sviluppo

La seta a Catanzaro

Leggende

Si narra in un libro di Confucio che un'imperatrice cinese insegnò ad allevare il baco da seta e a tesserne la bava, ben 2600 anni prima di Cristo e che il popolo riconoscente la divinizzò e adorò come "Dea della seta". Custodita gelosamente nei recessi della corte imperiale, il silenzio  avvolse per lunghi secoli la scoperta, e solo nel quarto sec. d.C. il Giappone e l'India ne vennero a conoscenza, si dice grazie all'astuzia di una principessa cinese andata in sposa al re del Turkestan che, per non rinunciare ai suoi abiti di seta, nascose nei capelli alcune uova del prezioso animale.

Quando, nel primo sec. d.C., sotto l'imperatore Augusto, Roma venne a contatto con il fasto dell'oriente, e oro, gioielli, profumi, entrarono nelle case dei nobili, la seta divenne il tessuto preferito per l'abbigliamento femminile. Nei mercati dell'Asia Minore, i Romani appresero che la seta proveniva dalla Cina ( chiamarono infatti i cinesi "Seres", dal greco "seres" =seta), ma ignorarono di qual materia essa fosse composta : la credettero un prodotto vegetale, ricavato da piante non esistenti in Europa. Fu solo più tardi, nel sesto secolo, dopo Cristo, che mediante uno stratagemma, l'allevamento del baco poté essere introdotto anche nei paesi mediterranei.

Quando ormai l'impero Romano d'occidente si spegneva sotto l'ondata delle invasioni barbariche, ed a conservare la civiltà latina rimaneva l'impero Romano d'Oriente, si racconta che due monaci, inviati dall'imperatore Giustiniano a diffondere la parola di Cristo nelle terre asiatiche, riportarono alla capitale Bisanzio ( l'odierna Costantinopoli ), nascosti nelle canne dei loro bastoni di viandanti, alcuni bozzoli del baco da seta. Fu così che, in Grecia, in Persia e nelle città italiane di diretta influenza bizantina, furono organizzati i primi allevamenti.

Gli Arabi, nel IX sec. dettero nuovo incremento alla sericultura in Persia, in Sicilia, in Calabria e, soprattutto, in Spagna. La Cina ne rimase tuttavia la maggiore produttrice: l'itinerario percorso dai mercanti occidentali che si recavano in Cina fu chiamato per lungo tempo "la via della seta". Si può dire che la diffusione della sericultura negli altri Paesi Europei  è dovuta prevalentemente agli italiani: genovesi furono coloro che per primi trasferirono il commercio della seta ad Avignone, italiani furono i primi allevatori del baco in Inghilterra ed in Svizzera. Come non supporlo, del resto, se, nella Firenze dantesca, ricca d'industrie e di commerci con i paesi d'oltralpe, esisteva, a tutelare i diritti dei setaioli, la "Corporazione della seta"? Il' 500, nell'Europa tutta, fu il suo secolo d'oro: provano ciò i lucidi tessuti dai mille riflessi, i ricchi damaschi dai fantastici disegni ed i pesanti velluti dai caldi colori, dipinti con frequenza dai pittori dell'epoca.

 

.:. Calabria

webcalabriaCard
.:. atlante
.:. turismo
.:. percorso storico
webcalabria.it