Home page Vacanze Atlante Percorso storico Gastronomia e-business Contattaci
 
home » turismo
 
.::.Turismo

Itinerari turistici

Cerca itinerario

Cerca monumento

Dove dormire

Itinerari più votati

Monumenti più votati

.::. Soggiorni
Soggiorno da Cubicula Hospitalia Bed And Breakfast. Troverete eleganza, cortesia e convenienza. E' vicinissimo al mare e a pochi passi da siti storici ed archeologici.
Cubicula Hospitalia B&B

Chiesa di Santa Maria Annunziata - Acri   (CS)

È posta fuori dell’abitato. È una chiesa dalle origini remote, menzionata per la prima volta nella "platea" dei beni, dei diritti e delle giurisdizioni della diocesi di Bisignano risalente al 1269. Altre notizie documentate riguardano alcune indulgenze particolari concesse da Paolo III, nel 1540, e la fondazione della confraternita della SS. Annunziata, nel 1580, il cui statuto fu redatto nel 1799 per il necessario regio assenso ed approvato da Ferdinando I di Borbone. È quindi uno dei più antichi monumenti della città.

La facciata, in calcare bianco, è divisa in due ordini: l’inferiore è decorato da tre colonne per lato, con un portale principale e due secondari; il superiore da quattro colonne, con una grande finestra ad arco, sopra il portale centrale, le cui vetrate colorate raffigurano l'Annunciazione. Il campanile è a pianta quadrata, con belle monofore ed un orologio collegato alle campane mediante un dispositivo elettronico.

All'interno, grandi pilastri rettangolari, a sostegno di archi a tutto sesto, dividono la pianta basilicale in tre navate, le laterali divise in cappelle, quasi tutte affrescate. Nella prima della navata sinistra, gli affreschi della Madonna di Fatima e del Battesimo di Cristo, oltre ad una statua della Vergine; in una cappella successiva, un dipinto della Madonna di Guadalupe. Più interessanti le cappelle di famiglia della navata sinistra: in quella dei Falcone, una Crocifissione, tela anonima, di scuola napoletana del 600; un dipinto di San Nicola di Bari nella seguente, della famiglia Giannone; in quella degli Spezzano, fino a pochi anni fa, Santa Lucia con San Rocco e Sant’Emilio, splendida tela del Santanna del 1776.

La più preziosa dal punto di vista storico è la cappella della Madonna del Carmine, quadrangolare con volta a crociera, sulle cui pareti, alcuni restauri hanno rivelato un affresco della Deposizione risalente al 1250: sarebbe la prova che la chiesa fu costruita in diverse riprese e che questa cappella è la parte più antica. Una porta di legno immette nella Congrega dell'Annunziata, costruita nel 1540 con grandi finestre a sghembo, tipicamente barocche.

Molti sono ancora i dipinti: la volta è affrescata con le figure dei Quattro Evangelisti, opere di Raffaele D'Alvisio; sull'altare, Madonna del Carmine col Bambino; ai lati, i Discepoli d’Emmaus e Gesù nell'orto, due affreschi di Guido Faita da Montalto Uffugo. Inoltre, San Giuseppe e Sant'Anna, pannelli di un trittico d'altare di scuola napoletana del 500; altre tele, la Sacra Famiglia, lo Sposalizio della Vergine, l’Annunciazione, l’Adorazione dei Magi e la Circoncisione, tutte opere anonime di artisti provinciali del 700-800. infine, la Pietà, olio su tela, opera neoclassica firmata e datata: Luigi Medolio da Corigliano, 1850.

_______________________________________________

Vota il monumento  |  Leggi i giudizi | Segnala ad un amico

.:. Calabria

webcalabriaCard
.:. atlante
.:. turismo
.:. percorso storico