Home page Vacanze Atlante Percorso storico Gastronomia e-business Contattaci
 
home » turismo
 
.::.Turismo

Itinerari turistici

Cerca itinerario

Cerca monumento

Dove dormire

Itinerari più votati

Monumenti più votati

.::. Soggiorni
Soggiorno da Cubicula Hospitalia Bed And Breakfast. Troverete eleganza, cortesia e convenienza. E' vicinissimo al mare e a pochi passi da siti storici ed archeologici.
Cubicula Hospitalia B&B

Museo Archeologico - Santa Severina   (KR)

Ospitato in alcune sale del castello, è organizzato in due sezioni specifiche e fisicamente distinte: una relativa agli scavi compiuti nella fortezza, l’altra dedicata al territorio di Santa Severina ed alla valle del Neto.

La prima comprende una parte espositiva, dotata di pannelli didattici, e la raccolta dei reperti è strutturata per periodi, ricostruendo le vicende della cittadina, dai Normanni alla prima metà del 900.

Non abbastanza sviluppata sembra la parte dedicata all’età bizantina, di cui notevoli sono i frammenti di affreschi, gli oggetti di metallo e le ceramiche.

Molto ricca è invece quella dedicata ai Normanni, dotata di una preziosa collezione di monete, anche d’oro e d’argento: folles bizantini all’epoca ancora circolanti, denari imperiali, monete normanne particolari, ad esempio un tarì d'oro di Roberto il Guiscardo, della zecca di Palermo, e un follaro di Ruggero II, della zecca di Messina. Tra le molte ceramiche (anfore, scodelle, pentole…), anche un piatto con una lepre dipinta in blu su fondo chiaro, di indubbia provenienza nordafricana, ed una lucerna in vetro.

Ceramiche dalle caratteristiche inconfondibili, quali le decorazioni ocra, brune e ramine su fondo bianco, e monete marcano il periodo svevo e soprattutto quello angioino.

Una notevole quantità di oggetti d'uso quotidiano (ceramiche di vario genere piccole suppellettili, oggetti in osso, vetro e metallo), monete e resti di pasti (ossa macellate, conchiglie, semi, gusci di tartarughe), sono invece la testimonianza del lungo periodo che va dagli Aragonesi alla famiglia Greuther.

La sezione dedicata al territorio, grazie al contributo della Soprintendenza Archeologica della Calabria, del Gruppo Archeologico Krotoniate ed alle generose donazioni e segnalazioni di privati cittadini, possiede ed espone testimonianze, storicamente preziose, dei popoli che per primi abitarono la zona.

Rimarchevole è il consistente gruppo di materiali in bronzo di origine pre-ellenica, recuperati tra Santa Severina e Strongoli/Petilia. Al IV e III secolo a.C. risalgono le forme ceramiche e le figure più semplici a vernice nera con incisioni sottili (crateri, oinochoai-brocche e skyphoi); quasi tutte del tipo "tanagrino" le statuette di eleganti figure femminili drappeggiate.

_______________________________________________

Vota il monumento  |  Leggi i giudizi | Segnala ad un amico

.:. Calabria

webcalabriaCard
.:. atlante
.:. turismo
.:. percorso storico