Home page Vacanze Atlante Percorso storico Gastronomia e-business Contattaci
 
home » turismo
 
.::.Turismo

Itinerari turistici

Cerca itinerario

Cerca monumento

Dove dormire

Itinerari più votati

Monumenti più votati

.::. Soggiorni
Soggiorno da Cubicula Hospitalia Bed And Breakfast. Troverete eleganza, cortesia e convenienza. E' vicinissimo al mare e a pochi passi da siti storici ed archeologici.
Cubicula Hospitalia B&B

Chiesa dei Cappuccini - Cassano Allo Ionio   (CS)

Fondata, insieme al convento, nel 1560, col beneplacito della principessa di Bisignano, Aenerina Castriota.

La chiesa, a due navate, fu arricchita, nei due secoli successivi, con pregevoli opere in legno, per lo più frutto degli abili ed operosi monaci di quel periodo: è quindi strano che l’altare maggiore non sia dello stesso materiale, come in quasi tutte le chiese dell’ordine, ma rifinito con scagliola levigata a falsi marmi. Bello è lo sportello del tabernacolo, in legno madreperlato, con incastonata l’immagine della Madonna col Bambino in seno, simbolo di Maria del SS. Sacramento. Sugli stucchi dell’altare, sette palme incise ricordano altrettanti martiri francescani calabresi uccisi a Ceuta, in Marocco, mentre sul gradino sono scolpiti i testi delle carteglorie, le scritture liturgiche. Sopra l’altare domina la Madonna degli Angeli con San Francesco d’Assisi, un olio su tela di anonimo meridionale del 700; ai lati, gli affreschi dei Santi Giuseppe da Leonessa e Fedele da Sigmaringa, del 700. Altra tela, anch’essa di ignoto meridionale, questa volta del 600, raffigura la Madonna col Bambino. Nella navata laterale, sull’altare dedicato a San Giuseppe, la tela del Santo morente, con la Madonna e Gesù Cristo; sulle pareti, Santa Lucia, a busto intero. Notevoli i due confessionali in legno intarsiato del XVIII secolo.

Ultima curiosità, l’altare dedicato al Beato Angelo d’Acri nel 1825, per festeggiarne appunto la beatificazione: il Beato fu ordinato sacerdote proprio a Cassano il giorno di Pasqua del 1700.

Al convento, dopo un primo rifacimento del 1650, fu aggiunto il terzo piano alla fine dello stesso secolo, frutto di uno scambio di terreni tra i frati ed il Conte Stanislao Serra. Fu soppresso definitivamente nel 1863: adibito prima ad ospedale e caserma, poi a lazzaretto fino a diventare l’ospizio attuale, nel 1913.

_______________________________________________

Vota il monumento  |  Leggi i giudizi | Segnala ad un amico

.:. Calabria

webcalabriaCard
.:. atlante
.:. turismo
.:. percorso storico