Home page Vacanze Atlante Percorso storico Gastronomia e-business Contattaci
 
home » turismo
 
.::.Turismo

Itinerari turistici

Cerca itinerario

Cerca monumento

Dove dormire

Itinerari più votati

Monumenti più votati

.::. Soggiorni
Soggiorno da Cubicula Hospitalia Bed And Breakfast. Troverete eleganza, cortesia e convenienza. E' vicinissimo al mare e a pochi passi da siti storici ed archeologici.
Cubicula Hospitalia B&B

Le fontane - Cassano Allo Ionio   (CS)

Sono molte, testimonianza di ricchezza d’acqua e di un buon sistema di distribuzione nei secoli passati.

La più importante ed artisticamente la più notevole, è la Fontana dei Leoni, in Piazza Sant’Eusebio, costruita in travertino nel 1794 su progetto dall'architetto napoletano Bartolomeo Grasso. L’acqua sgorga da un giglio sulla sommità di un bacino, posto su un tronco di piramide al centro di una grande vasca; alla base della piramide, tre leoni accovacciati, opere di notevole valore, risalenti almeno al XV secolo e purtroppo trafugati.

Altrettanto bella è la Fontana dell'Acqua Sulfurea, a base ottagonale con una cannella in stile arabo normanno per ogni lato, ed ogni cannella ha la sua piccola vasca in pietra. In cima all’ottagono, che si restringe verso l’alto, un bacino in pietra ornato da una guglia. L’abbeveratoio è stato ricostruito in mattoni e decorato con sei teste di leone, scolpite da Franco Malomo.

Molto interessante è la Fontana della Selciata, detta anche Paglialunga, dall’omonimo rione in cui si trova. Composta essenzialmente da un monolito in pietra dura con cannelle, ornate da protomi animali, e decorata da un timpano con stemma. Ancora visibile sul muro di sostegno, l'iscrizione latina"Bibe dum fluam, mox defluam, sic eunt omnia" (bevi mentre scorro, tra poco non scorrerò più, così vanno tutte le cose).

Alla vicinanza con l’omonimo ex convento, deve il nome la Fontana dei Cappuccini, risalente alla fine del 700. Due cannelle in stile arabo-normanno scaricano l’acqua in altrettante vasche cilindriche, ricavate da un unico blocco di pietra e sormontate da un timpano.

Sistemata nel cortile esterno di Palazzo Paterno, è, appunto, la Fontana del Palazzo, la cui struttura, con colonne a bassorilievo a sostegno di un semicerchio con stemma ovale, è forse la più originale. Da due cannelle separate, decorate con protomi d’animali, l’acqua defluisce in due vasche circolari.

Ormai priva d’acqua è la più recente delle fontane di Cassano, la Fontana Nuova, del 1870. Sono due cannelle decorate con protomi ed una vasca ricavata da un blocco di pietra rettangolare. Non è in buono stato, anche il timpano con stemma è semidistrutto.

Da un monolito di selce è stata ricavata la vasca della Fontana Piè d'Ulivo, restaurata nel 1979. Divisa in tre piccoli bacini da due muretti, l’acqua defluisce dalle cannelle dei due laterali nel centrale, che fungeva da abbeveratoio per gli animali. Un semplice timpano a coronamento.

Infine la fontana al centro della villa comunale. L’acqua sgorga da cannelle, ornate con figure di leoni, inserite in una colonna esagonale al centro di una vasca circolare; quest’ultima poggia su una base quadrangolare ancora al centro di una vasca circolare, più grande.

Utilissimi in passato, i lavatoi: quello dei "Vrichi", nome dialettale delle tamerici, un tempo abbondanti nella zona, costituito da una vasca monolitica divisa in due parti da un muretto in pietra e circondato da una recinzione in muratura; e quello dei Macelli, imponente costruzione del 1793, dalla grande vasca rettangolare, divisa in due, circondata da massicce colonne, uniche superstiti dell’antica copertura.

_______________________________________________

Vota il monumento  |  Leggi i giudizi | Segnala ad un amico

.:. Calabria

webcalabriaCard
.:. atlante
.:. turismo
.:. percorso storico