Home page Vacanze Atlante Percorso storico Gastronomia e-business Contattaci
 
home » turismo
 
.::.Turismo

Itinerari turistici

Cerca itinerario

Cerca monumento

Dove dormire

Itinerari più votati

Monumenti più votati

.::. Soggiorni
Soggiorno da Cubicula Hospitalia Bed And Breakfast. Troverete eleganza, cortesia e convenienza. E' vicinissimo al mare e a pochi passi da siti storici ed archeologici.
Cubicula Hospitalia B&B

Santuario della Santa Spina - Petilia Policastro   (KR)

Un suggestivo percorso di circa tre chilometri collega Petilia Policastro con il suo monumento di maggior rilevanza. Fu fondato in epoca rinascimentale, nel XVI secolo, dal cardinale Dioniso Sacco ed è adiacente all'ormai diruto convento eretto intorno all'anno 1000 dai Frati Minori Osservanti.

La facciata a capanna è molto semplice, mossa solo da un bel portale a tutto sesto, con colonne ed architrave decorata da un fastigio; in alto una scarna finestra. Più interessante il campanile a pianta quadrata, anch'esso con un interessante portale e con grandi monofore ai due ordini superiori; l'ultimo ordine, il terzo, è poligonale con copertura a cuspide.

Ricostruito nel XVII secolo, il santuario è a navata unica, col soffitto in legno decorato con l'Assunta e scene bibliche, pitture tardo barocche di Cristoforo Santanna da Rende, del 1772. Nell'abside, ornata da un ricco fastigio di legno intagliato e dorato, del 700, il fastoso Altare Maggiore con rilievi figurati, del 1764. Altra notevole opera in legno, con dovizia di intagli barocchi, è la cantoria. L'oggetto più prezioso conservato in questa chiesa, è sicuramente il reliquario d'oro che contiene una Spina della Croce di Cristo, donata nel 1523 dalla regina Giovanna di Valois al suo confessore, il cardinale Dionisio Sacco: è un astuccio con a rilievo un'iscrizione e la corona reale, incastonato in un tabernacolo decorato con dodici teste di angeli, opera di oreficeria francese del 400.

Tra le altre opere: una ricca pala intagliata e dorata, con piccole nicchie e dodici busti in legno scolpiti a tutto rilievo, opera barocca di scuola meridionale; gli angeli in marmo del 700, alla base dell'arco trionfale; una statua in marmo, a tutto tondo e a figura intera, della Madonna col Bambino, di scuola napoletana del 700; la Sacra Famiglia e San Michele Arcangelo, due buone copie di omonime opere di Mattia Preti, del 700; l'Ultima Cena ed una cena francescana, altre tele del 700; più antico, del secolo precedente, il ritratto del cardinale Sacco, di cui è conservato anche il sepolcro.

Tra le pitture sacre sulla volta in legno dell’annesso bianco convento francescano, San Francesco d’Assisi in estasi al suono di un violino toccato da una mano angelica.

_______________________________________________

Vota il monumento  |  Leggi i giudizi | Segnala ad un amico

.:. Calabria

webcalabriaCard
.:. atlante
.:. turismo
.:. percorso storico