Home page Vacanze Atlante Percorso storico Gastronomia e-business Contattaci
 
home » turismo
 
.::.Turismo

Itinerari turistici

Cerca itinerario

Cerca monumento

Dove dormire

Itinerari più votati

Monumenti più votati

.::. Soggiorni
Soggiorno da Cubicula Hospitalia Bed And Breakfast. Troverete eleganza, cortesia e convenienza. E' vicinissimo al mare e a pochi passi da siti storici ed archeologici.
Cubicula Hospitalia B&B

Il Valentianum - Vibo Valentia   (VV)

È una costruzione imponente ed elegante, con un bellissimo chiostro, annessa al Duomo. Edificato nel 1455 come Convento dei Domenicani, fu rifatto nella seconda metà del XVI secolo per volere di Ettore Pignatelli; completamente restaurato e riportato alle forme originarie tra il 1982 ed il 1984, oggi ospita due scuole, un centro congressi, gli uffici della curia e gli importanti musei dell’Emigrazione e d’Arte Sacra.

Il primo, inaugurato nel 1995, espone lettere, scritti ed oggetti di vario genere, appartenuti agli emigrati, dal 1870 ad oggi. Curiosa la piccola statua del “fortunatino”, un bimbo considerato portafortuna dagli emigranti.

Più ricco ovviamente il Museo d’Arte Sacra, dotato anche di un importante archivio storico. Vi si espongono opere di gran valore, tra cui le statuette in bronzo dorato di Angeli, Putti Alati, dei Santi Agostino, Bruno, Stefano e di un Vescovo, in origine sul bellissimo ciborio costruito da Cosimo Fanzago per la Certosa di Serra San Bruno ed attualmente nella Chiesa dell'Addolorata, sempre a Serra. Notevole è la tavola rinascimentale di Santa Caterina da Siena, attribuita al senese Marco De Pino, ma forse di scuola napoletana; interessanti la Madonna col bambino e San Luca, due statue di Antonello Gagini, databili tra il 1520 e il 1530; molto bello è il sarcofago di Decio de Suriano, patrizio cittadino, del 1488. Da segnalare ancora un tronco di colonna magnogreca con capitello bizantino, i piviali del 600-700, le argenterie sacre del XIX secolo e la stupenda Mitria di San Leoluca in argento e pietre preziose, dono della riconoscente cittadinanza per essere stata liberata dal colera del 1854.

_______________________________________________

Vota il monumento  |  Leggi i giudizi | Segnala ad un amico

.:. Calabria

webcalabriaCard
.:. atlante
.:. turismo
.:. percorso storico