Home page Vacanze Atlante Percorso storico Gastronomia e-business Contattaci
home » turismo
.::.Turismo

Itinerari turistici

Cerca itinerario

Cerca monumento

Dove dormire

Itinerari più votati

Monumenti più votati

.::. Soggiorni
Soggiorno da Cubicula Hospitalia Bed And Breakfast. Troverete eleganza, cortesia e convenienza. E' vicinissimo al mare e a pochi passi da siti storici ed archeologici.
Cubicula Hospitalia B&B

8

45   Km circa

Categoria: misti

 

  »Catanzaro   »Taverna   »Villaggio Mancuso   »Villaggio Racise  

 

 

Partiamo da Catanzaro, il capoluogo di regione, ed arriviamo alle porte Parco Nazionale della Calabria, la parte della Sila Piccola: è questo in pratica il succo dell’itinerario, che ci permetterà di ammirare paesaggi unici, continuamente cangianti, e ci darà la possibilità di visitare la patria di Mattia Preti, il più noto artista calabrese e tra i maggiori pittori del 600. Catanzaro è una città non molto grande, ma attiva e vivace. La sua posizione, sopra uno sperone roccioso dominante le valli dei torrenti Fiumarella e Musofalo, offre uno spettacolare colpo d’occhio sullo Ionio; ed è spettacolare la vista dal basso della città, che appare tra da due lunghi ponti ad arcata unica, sopra le suddette valli. Buona parte della vita economica e sociale della città si svolge lungo il Corso Mazzini, la via principale che inizia da Piazza Matteotti. Numerose sono le opere a testimonianza di un passato ricco ed importante: non dimentichiamo che è un’antica fortezza bizantina. C’è molto da vedere: il Duomo, la Basilica dell’Immacolata e tante altre chiese, i monumenti, il Museo Provinciale, i palazzi ed i resti del castello. Lasciamo Catanzaro dalla sua parte più alta, la zona nord, ed imbocchiamo la Statale 109 bis, in pratica un raccordo che s’immette nella Statale 109 dopo 16 Km circa. Si passa per alcune frazioni di Catanzaro, Pontegrande ad esempio, dopo di che la strada si allarga e la vista si apre magnificamente sulla vallata della Fiumarella. Merita una breve sosta la chiesetta del Termine, se non altro per la sua splendida posizione panoramica. La vegetazione è già cambiata, i castagneti sono ormai a perdita d’occhio e formano una sconfinata macchia verde che scende a valle. Imboccata la 109, si prosegue sempre verso nord per altri 11 Km ed ecco Taverna, bella cittadina circondata dai boschi fittissimi che coprono il versante orientale del fiume Alli. Centro prevalentemente agricolo e commerciale, per il legname in particolare, è ormai divenuta un’attiva stazione turistica grazie alla sua vicinanza con la Sila Piccola. È molto antica, le sue origini sono certamente pre-romane, come il nome, derivato da Taberna, lascia intuire. La cittadina deve la sua notorietà a Mattia Preti, il grande pittore del 600 che qui ebbe i natali e molte delle cui opere attendono di essere risistemate nelle chiese di San Domenico e di Santa Barbara, loro sedi originarie, dopo i restauri in corso a Cosenza. Da Taverna si prosegue verso nord, imboccando la Statale 179 dir, e dopo 14 Km si giunge a Villaggio Mancuso, a quasi 1300 mlm, vivace centro turistico, immerso nella stupenda foresta di conifere che ricopre tutto l’altopiano. Costituito in gran parte da villette, è frequentatissimo in estate, ma anche ottimamente attrezzato per gli sport invernali. Continuando sulla stessa statale, a 16 Km, troviamo Villaggio Racise, altro attrezzato centro turistico estivo ed invernale. Entrambi i villaggi sono la base ideale per le escursioni, consigliabili, al Parco Nazionale ed al Lago Ampollino.

  • Catanzaro (CZ)

Cattedrale dell'Assunta e dei SS Pietro e Paolo (Duomo)

  • Taverna (CZ)

  • Villaggio Mancuso (CZ)

  • Villaggio Racise (CZ)

______________________________________________________________________

Vota l'itinerario  |  Leggi i giudizi   |   Segnala ad un amico

.:. Calabria

webcalabriaCard
.:. atlante
.:. turismo
.:. percorso storico